17 agosto 2015

Un senso di bellezza


Sono rimasta piacevolmente colpita dalla visione di un film visto oggi, non recente, di cui mai avevo  sentito parlare, decisamente commovente:
L'ospite d'inverno. Le interpreti (magistrali) Emma Thompson e Phyllida Law, mamma e figlia sia nel film che nella realtà. 
Mi piaceva comunicare l'incanto del paesaggio invernale, immersi nella neve e ghiaccio, che ammanta questo villaggio scozzese che si affaccia sul mare. Ogni sequenza del film ricorda gli acquerelli, con quei colori liquidi, freddi che allo stesso tempo  emozionano. Il rapporto non facile tra madre e figlia (rimasta vedova da poco) è raccontato con levità, pur rendendo la drammaticità delle situazioni; e colpiscono altrettanto le storie che si Intrecciano alla principale, diverse generazioni, diverse problematiche.
Non è un film che fa ridere, commuove, non rattrista però, prevale un senso di bellezza algida. 
Lo consiglio  vivamente a chi ama il buon cinema senza fronzoli.
Ciao alla prossima,
Dede 


 


 





 
Posta un commento

Follow by Email

Lettori fissi